"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)

lunedì 7 luglio 2014

Parliamo di... DOP, IGP ed ISIT - Istituto Salumi Italiani Tutelati, cosa sono e cosa significano




DOP e IGP sappiamo cosa sono?

Da comune consumatore, buona forchetta e pure golosa un tantino, so che quando un prodotto è caratterizzato da un marchio di questo tipo è un prodotto di qualità. Però mea culpa magari non so nel dettaglio che cosa significhi.
Oggi quindi sono qui a scrivere questi appunti on line che sono sicura serviranno a me quanto a voi per capirci qualcosa.
In Italia abbiamo molti prodotti di altissima qualità che vengono riconosciuti tramite determinati marchi.
Pensiamo ai vini, ai latticini ed ai salumi ad esempio, quanti prodotti eccezionali abbiamo nel nostro territorio? Sappiamo veramente distinguerli e riconoscerli? Io ve ne faccio conoscere 2, anzi 3!

COSA significano 2 di queste sigle che riguardano i salumi; DOP e IGP

-DOP  (Denominazione d’Origine Protetta) è un simbolo di origine riconosciuto a quei prodotti le cui specificità e caratteristiche sono dovute all’ambiente geografico in cui sono prodotti.
Per ottenere questo riconoscimento, tutte le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione del prodotto devono avvenire nell’area geografica delimitata, seguendo un processo produttivo conforme ad un preciso disciplinare di produzione, nel rispetto della ricetta tradizionale.
-IGP  (Indicazione Geografica Protetta) è un simbolo di origine che riconosce il valore di una particolare specialità alimentare prodotta in una determinata zona geografica alla quale può essere attribuita una specifica qualità, la reputazione o altra caratteristica. Per ottenere il riconoscimento almeno una fase della produzione, trasformazione o elaborazione deve essere fatta nell’area delimitata seguendo un processo produttivo conforme ad un preciso disciplinare nel rispetto della ricetta tradizionale.

In pratica questi marchi tutelano i prodotti attraverso un approccio territoriale intenso come ambiente geografico comprendente sia fattori naturali (ad esempio il clima) sia umani (tecniche di lavorazioni tramandate nel tempo). Entrambi questi aspetti consentono di ottenere un prodotto inimitabile al di fuori di una determinata zona produttiva.
Naturalmente per ottenere questi riconoscimenti i prodotti devono superare tutta una serie di esami e controlli per verificarne il rispetto disciplinare di produzione. A questo scopo esistono gli Istituti di Controllo autorizzati direttamente dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf). Solo i prodotti che superano tali controlli ottengono i marchi DOP o IGP.


COME riconoscere i prodotti con questi marchi

Sono facilmente riconoscibili grazie ad alcune informazioni riportate nelle etichette.
Devono sempre comparire:

-La denominazione tutelata in modo chiaro e completo
-Il simbolo DOP o IGP dell’Unione Europea
-La dicitura “certificato da organismo di controllo Autorizzato dal mipaaf, ministero delle politiche Agricole Alimentari e forestali”
-il soggetto titolato all’utilizzo della denominazione Tutelata che coincide quasi sempre con il produttore
E’ possibile anche trovare il logo del consorzio per i produttori sociali e lo specifico regolamento europeo.




Su richiesta delle principali Aziende che producevano, che intendevano produrre salumi DOP o IGP o che aderivano ai principali consorzi di tutela,  nel 1999 nasce l’ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati).

L’ISIT svolge:
-coordinamento strategico per promuovere il confronto su tematiche di comune interesse e definire posizioni condivise, fare sistema attraverso la rappresentanza collettiva nei confronti di Enti e Istituzioni, sviluppare attività informative di supporto per i consorzi.
-coordinamento operativo tra i consorzi per consentire a livello collettivo maggiore visibilità e realizzare vantaggiose economie di scala. Tra le azioni principali ci sono la vigilanza collettiva, l’uffici stampa integrato, attività di promozione e comunicazione collettiva, corsi formativi su DOP e IGP per la distribuzione, ricerche di mercato e di settore.
In poche parole ha come scopo la tutela, la promozione, la valorizzazione e la cura generale degli interessi relativi al comparto della salumeria italiana tutelata.
QUALI sono i prodotti DOP e IGP rappresentati da ISIT?



I prodotti DOP sono:

Capocollo di Calabria
Coppa Piacentina
Culatello di Zibello
Pancetta di Calabria
Pancetta Piacentina
Prosciutto di Modena
Prosciutto di San daniele
Prosciutto Toscano
Salame Brianza
Salame di Varzi
Salame Piacentino
Salamini Italiani alla Cacciatora
Salsiccia di Calabria
Sopressata di Calabria


I prodotti  IGP sono:

Bresaola della Valtellina
Cotechino Modena
Mortadella Bologna Prosciutto di Norcia
Speck Alto Adige
Zampone Modena


 Quest’anno assieme ad un gruppo di foodblogger ho avuto l’onore di essere stata scelta da ISIT per ricevere e promuovere due di questi straordinari prodotti. A breve quindi vi delizierò con altrettante ricette per farveli conoscere.

Spero che questo articolo sia stato utile a voi come a me e che possa tornarvi utile.
 

Nessun commento:

Posta un commento

I vostri commenti alimentano il blog e mi fanno sempre molto piacere.
Commenti ANONIMI NON saranno pubblicati.
Per informazioni scrivetemi a: mentaecioccolato08@gmail.com