"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)

lunedì 26 ottobre 2009

Gelée de Coings....Gelatina di Mele Cotogne


Buon Lunedì a tutti, oggi volevo parlare di una ricetta particolare..
Particolare in quanto non sono molto dedita a preparare marmellate o confetture o cose simili in quanto in casa siamo in 3, di cui 2 ( i miei vecchietti ) mangiano come uccellini ed anche se abbiamo l'abitudine di fare colazione assieme ogni mattina con dolcetti vari da me sfornati e marmellate non tengo grandi scorte...

Quando sono stata in Svizzera ho avuto l'occasione di assaggiare una Gelatina di Mele Cotogne deliziosa, di un bellissimo color miele, così bella che ho voluto contattare Véronique e cercando di sfoderare il mio francese le ho chiesto la ricetta...
Il risultato potrei dire che è ottimo...avrei voluto rimanesse chiara, ma so perchè è Rossa...
Innanzitutto in Svizzera hanno un aggeggio ossia una specie di Pentola che cuoce a vapore ed estrae il succo della frutta..questo fa sì che poi in cottura addensi in fretta rimanendo chiara...
Quindi ho dovuto modificare la lavorazione adattandola alle mie abitudini..curiosando anche in ricettari vari...
Inoltre altro consiglio ricevuto ieri è stato quello di non usare più di 2 chili di frutta...invece io per paura che si rovinasero le mele ne ho cotte molte di più con conseguenza che la bollitura è andata avanti ore rendendo la preparazione Scura anziche chiara!!.La prossima volta metterò i semini del Limone che essendo ricchi di Pectina accelerano l'addensamento!!
Questo post è anche un appunto per me..e se potrò e ne varrà la pena alla prima occasione comprerò quell'aggeggio....
Dunque...andiamo alla preparazione..

GELATINA DI MELE COTOGNE

INGREDIENTI:

Mele Cotogne
800 gr di Zucchero per litro di sciroppo
una tela di cotone a trama sottile sottile
2 mele rosse per chilo di cotogne (facoltativo)


Lavare le Mele ed eliminare la peluria superficiale..Tagliarle in 4 pezzi e metterle in una pentola capiente..Coprirle di acqua e farle bollire per circa un'ora finchè non si saranno spappolate..

Mettere all'interno di un colapasta la tela e filtrare il succo con le mele...Non serve schiacciare, è molto meglio lasciarle colare per tutta la notte...

Al mattino dopo controllare se ci sono residui, nel caso filtrare ancora solo il succo...

misurare la quantità di succo con una caraffa graduata, metterlo in una pentola capiente ed aggiungere lo zucchero, mescolare bene e portarlo a bollore...
Per controllarne la densità mettere un pò di gelatina in un piattino, farla raffreddare in frigorifero e vedere poi se cola, quando rimarrà ferma è pronta...
Io per invasare ho imparato questo sistema...metto in forno a circa 80° i barattoli... quando sono ben caldi con l'aiuto di pezzuole li riempio con la Gelatina, chiudo il coperchio ben stretto e lascio raffreddare....

Beh..sarà anche colorata, ma è veramente ottima!!


GRAZIE VERONIQUE....

QUI LA RICETTA NUOVA



35 commenti:

  1. A me questo colore piace molto, ho qualche mela cotogna e non avevo pensato di preparaci anche la gelatina, vi ho fatto solo la marmellata, ma questa gelatina mi piace parecchio...:-)
    Complimenti anche per le foto veramente belle, hai cambiato macchina?a presto, buona settimana

    RispondiElimina
  2. Le voglio anch'io le mela cotogne!!!!!! Non riesco a trovarle...io segno la tua delizia nella speranza di riuscire nell'impresa!!!!Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Mia suocera fa con le mele cotogne la cotognata, un lavoraccio che dura giorni. Questa gelatina è molto meglio, è bellissima.

    RispondiElimina
  4. Carissima so bene che è un lavoraccio, ma ne vale tanto la pena. Io abito in Svizzera e questa gelatina l'ho già fatta diverse volte. Quì le mele cotogne si trovano sia dai contadini che in qualche supermercato. Brava!

    RispondiElimina
  5. Stasera la faccio anche iooooo...
    se ti puo' interessare è pronto e pubblicato il pdf della raccolta "Fior di carciofo!"
    Ti aspettooooooo Lady Cocca

    RispondiElimina
  6. per le marmellate sono un pò scarsetta...non piacciono in famiglia..quindi le faccio solo su esplicita richiesta! però la segno la ricetta potrebbe tornarmi utile!
    ciao!

    RispondiElimina
  7. secondo me così colorata è più bella! non l'ho mai assaggiata, deve essere molto particolare.
    ciao Reby

    RispondiElimina
  8. A casa mai-stante i precedenti svizzeri- si fa sempre, è ottima, bravissima!

    RispondiElimina
  9. ma che delizia e che idea gustosa morena mi sa che te al copio:-)bacioni imma

    RispondiElimina
  10. Fantastica la tua marmellata....se vai sul sito Giallo zafferano hanno appena iniziato la raccolta Le dita nel barattolo....perchè non partecipi??
    ulteriori informazioni anche su
    lacucinadicamilla.blogspot.com


    ciao

    RispondiElimina
  11. ma dai è proprio bella perchè oltre ad essere buona è colorata :)

    RispondiElimina
  12. mmm...ma appena posso ti do la mia di ricetta della gelatina di melecotogne che pensas un pò si fa con le bucce delle melecotogne e viene limpida!!

    RispondiElimina
  13. Milla..la gelatina mi piace molto, anche quella di altri frutti ecco perchè sto pensando al famoso aggeggio...grazie!!

    cambiato macchina??naaaa..ho scritto a babbo natale, ma mi sa che quest'anno sarà un pò sordo!!!mi accontento della solita compatta, però mi fa piacere che ti piacciano!!

    RispondiElimina
  14. marifrà..io ho avuto la fortuna di averle da mio zio, però le ho viste anche al supermercato..grazie!!

    Claudia...prendiiiii!!

    mariacristina...la cotognata è un 'altra cosa e so che porta molto lavoro..così sì, è più veloce..

    RispondiElimina
  15. Tina..ma graaazie!!detto da te che conosci questo prodotto mi fa enorme piacere...hai ragione, ne vale la pena!!!

    Lady Cocca...vaiiiii!!!
    domani arrivo anche per il pdf!!

    Federica..grazie!

    RispondiElimina
  16. rebecca...sì, è molto particolare...

    Moki..eh, immagino, le tradizioni rimangono vero?..ciao carissima!!

    imma...copia pure e facci una delle tue meravigliose crostate...ciao!!

    Masterchef...grazie..domani do un'occhiata per la raccolta...

    RispondiElimina
  17. Lo...grazie!!

    moleskine..molto interessante...aspetto la ricetta!!

    ciao ciao!

    RispondiElimina
  18. Molto interessante la gelatina, non l'avevo mai vista. A me il colore piace! Ah, non sapevo che i semini del limone contenessero pectina... grazie per avercelo detto!
    Un bacio!

    RispondiElimina
  19. E'una vera tentazione questa gelatina,mia madre adora le mele cotogno mi sa che appena le trovo gli faccio questa sorpresa :P
    Buona settimana :*

    RispondiElimina
  20. Barbara..grazie a te...il discorso dei semini l'ho saputo da un'amica, ed infatti l'ultima volta che ho fatto la marmellata di Fragole li ho usati..oltre che diventare densa in fretta è venuta deliziosa e naturale!!

    Nanny..prova e fammi sapere..!Grazie!

    RispondiElimina
  21. Io pure ho chiesto ieri al mio fruttivendolo di procurarmi delle mele cotogne... telepatia ?? ;)
    La gelatina di cotogne non l'avevo mai provata però, mi sa che ne prendo un po' di più del previsto.
    Albertone

    RispondiElimina
  22. Albertone, se la proverai fammi sapere...ciao e buon WE!!

    RispondiElimina
  23. Ho fatto qualcosino di diverso... vai a vedere :)

    Albertone

    RispondiElimina
  24. bellissima foto e ottima e golosissima ricetta!

    RispondiElimina
  25. fiOrdivanilla..grazie tante!!

    RispondiElimina
  26. ciao,
    sono francesca ed oggi ho scoperto il tuo blog.Complimenti.
    Per quanto concerne la cottura volevo segnalarti quanto mi ha insegnato la cognata peruviana di un collega.
    Mescolato il succo con lo zucchero e portato a bollore si versa il tutto in pirofile e si mette in forno fino ad avere la densità desiderata.
    In questo modo non si deve stare a girare. Io lo faccio e ho voluto segnalartelo ,magari ti potrà essere utile. ciao

    RispondiElimina
  27. ciao francesca, grazie e benvenuta!in forno?..a che temperatura? molto interessante!!

    RispondiElimina
  28. Si proprio in forno alla temperatura di 200°.
    Dimenticavo di dirti forno a gas.Ciao
    Francesca

    RispondiElimina
  29. Francesca grazie della dritta!

    RispondiElimina
  30. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  31. Mi chiamo Lia e sono Svizzera.Io faccio la ricetta della mia nonna tedesca della gelée di cotogne:ci vogliono quasi due giorni ma sarà ottima,brillante di un colore rubino meraviglioso.ecco come farla:tagliate le cotogne anche se dure a pezzetti e mettete tutto torsoli e ghiande comprese in un padellone.Lasciate cuocere per circa 7-8 ore a fuoco moderato e fino a quando le cotogne saranno spappolate e l'acqua con la quale avrete coperto le mele con un limone tagliato a metà sarà diventata rossa.Filtrare con uno scolapasta ricoperto con un pannolino di garza tutto il liquido in un'altra pentola e le mele si saranno adagiate nello scolapasta:lasciate filtrare tutta la notte e poco prima di iniziare a fare la gelée prendete lagarza e con il composto schiacciate e strizzata fino all'ultima goccia.Fatto questo lavoro buttate i resti (ottimi come concime) filtrate mentre con un contenitore graduato pesate il vostro liquido e calcolate per ogni litro 800 gr.di zucchero gelificante.Portate a bollore schiumando e travasate nei vostri barattoli sterilizzati ancora con il colino.Un suggerimento:io sono anni che sterilizzo i miei vasetti nella lavastoviglie:la riempio faccio il ciclo mediobe man mano li tolgo li riempio ed è fatta:girate per qualche minuto i vasetti all'ingiù e dopo 4-5 minuti avrete una gelée di mele cotogne da sogno.Io settimana scorsa ne ho fatti 30 vasetti ma tra amici e marito.......provate ne vale il lavoro un pò lungo.Ciao

    RispondiElimina
  32. Complimenti per il sito:io sono Lia che dalla Svizzera ha mandato la ricetta della Gelée di cotogne!Un saluto

    RispondiElimina
  33. Grazie Lia per la tua ricetta..il problema è trovare lo zucchero gelificante che qui non c'è..se magari faccio un salto in Svizzera a trovare degli amici lo prendo!
    Morena

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il blog e mi fanno sempre molto piacere se fatti con sincerità, senza cattiveria o secondi fini.
Vi chiedo di leggere bene il post perchè spesso le risposte alle vostre domande sono già scritte.
Quelli contenenti LINK o ANONIMI NON saranno pubblicati.
Per informazioni scrivetemi a: mentaecioccolato08@gmail.com

AddThis