"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)

giovedì 27 novembre 2014

Pane senza impasto con farro, per una rivincita dopo 10 anni!



Penso che questo sia il pane più pubblicato nel mondo dei foodblogger. Allora vi direte perchè pure io lo faccio se già ce ne sono tanti in giro.
Primo motivo è che da quando ho la pentola Le Creuset non ho mai abbandonato l'idea di rifarlo e poi perchè avevo una guerra aperta con lui. 
Infatti questo è il pane che si trova nel libro "pane senza impasto" di Jim Lahey. Bellissimo libro che consiglio a tutti anche per la storia del suo autore.
Molti anni fa, penso circa 10  o forse più, quando ho iniziato a bazzicare in Internet mi sono imbattuta in questa ricetta (dunque pensate da quanto gira!). Non avevo mai fatto del pane ed il lievito di birra e la lievitazione a quel tempo per me erano degli sconosciuti.
La facilità di impasto e di esecuzione mi ha invogliata visto che già ero attirata dal mondo dei lievitati. Purtroppo però il risultato non è stato molto soddisfacente, anzi quella volta potevo usarlo come fresbee o come arma improria per uccidere qualcuno. Da allora mi sono detta che prima o poi avrei riprovato con la giusta tecnica e la giusta pentola.
Quindi, ora che la tecnica è migliorata, l'amicizia tra me ed il lievito è più salda ed il giusto contenitore è nelle mie mani non potevo non prendermi la rivincita.
Ed ecco perchè lo propongo anch'io. Ebbene sì, questo è stato il mio primo pane. Una schifezza totale allora ed un ottimo risultato oggi.!
Quindi, provatelo. Poca fatica massimo risultato. bastano una ciotola ed un mestolo.
P.S. Io ho usato anche della farina di farro nell'impasto.



PANE SENZA IMPASTO DI JIM LAHEY

Ingredienti per una pentola di cm 22:
200 g di farina di farro
300 g di farina manitoba
400 g di acqua circa
3 g di lievito di birra fresco (oppure 1 di quello secco)
10 g di sale

In una ciotola mettete il lievito (per primo, la farina, il sale e versateci l'acqua (non tutta, avanzatene circa 20 g)
Mescolate con un cucchiaio per circa 30 secondi giusto il tempo che si bagni tutta la farina. Dovrà essere appiccicoso nel caso unite tutta l'acqua rimasta ed eventalmente dell'altra.
Coprite con della pellicola la ciotola e lasciate lievitare a 22° per minimo 12 ore. Ovviamente se di gradi ce ne sono 20 a casa vostra ovvio che le ore aumenteranno. L'impasto dopo questo tempo dovrà essere bello bolloso in superficie e quasi sgonfio.

Infarinate il piano di lavoro, rovesciate l'impasto delicatamente staccandolo dalle pareti della ciotola con una spatola.




Fate un giro di pieghe a raggio. In pratica prendete un lembo di pasta e portatelo verso il centro. poi un lembo a fianco e portate in centro fino a completare il giro. Nel caso fatene un altro. Alla fine l'impasto sarà sempre morbidissimo ma più compatto. (vedete le foto)
Ora cospargete abbondantemente un tovagliolo di cotone o lino di farina ed adagiatevi l'impasto con le pieghe in sotto. (io ho usato un cestino) Cospargete anche la superficie coprite con il telo e lasciate lievitare circa un paio d'ore. vedrete che crescerà se non l'avrete sgonfiato troppo maneggiandolo in precedenza. (il mio è arrivato ad un paio di cm dal bordo del cestino.)
Scaldate il forno con all'interno la pentola con il suo coperchio fino ad una temperatura di 245° circa.
Spolverate con altra farina la superficie dell'impasto. Togliete dal forno la pentola e con movimento deciso ma delicato nello stesso tempo passate il pane al suo interno. Questa volta le pieghe dovranno essere in alto. Fate attenzione, la pentola sarà bollente.
Coprite con il coperchio, infornate subito per 30 minuti. Poi togliete il coperchio e lasciate cuocere altri 15 minuti minimo o almeno fin che non vedrete che avrà preso un bel colore scuro.
Sfornate, togliete dalla pentola sempre con attenzione e fatelo raffreddare completamente prima di tagliarlo.


Questo pane si conserva per qualche giorno visto il suo pochissimo lievito.
Provatelo, magari anche con solo farina per pane poi mi direte.

QUI trovate altre ricette di pane, pizza, panini e focacce

Vi ricordo che potete iscrivervi alla newsletter se non volete perdervi gli aggiornamenti. Ma potete anche cancellarvi se siete iscritti e non le volete più ricevere ;)

Ciao a tutti ed alla prossima ricetta!


35 commenti:

  1. Bellissimo, mi sembra di sentire il profumo da qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la prima cosa che mi ha colpito è stato il profumo, quello del pane vero!

      Grazie Lara!

      Elimina
  2. ciao Morena :) non possiedo la pentola ma provvederò al più presto,piccolo dubbio,il mio forno non arriva a 245 gradi i 220 possono essere sufficienti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria eccomi anche qui, la temperatura del forno è molto alta, tranquilla che se usi il ventilato il forno ce la fa. Pensa che il mio a temp. massima segnando 230° in realtà fa 270° Occhio ad usare la pentola che resista.

      ciao
      Morena

      Elimina
  3. E' venuto benissimo ! Il pane fatto in casa è sempre buonissimo !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, peccato che qui non mangiano questo pane.. dovrò sacrificarmi! :D

      Elimina
  4. ..e che rivincita che ti 6 presa O_O
    Complimenti, ha un aspetto divino e non oso immaginarne il profumo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, ce n'è voluto ma ci sono riuscita! :D

      Elimina
  5. Ciao Morena, le tue ricette sono tutte strepitose, e questo pane è fantastico!
    bravissima!
    Un abbraccio Laura♡♥♡

    RispondiElimina
  6. Chi l'ha dura la vince !!! capita a volte che in cucina qualche cosa vada storto anche se noi seguiamo alla perfezione la ricetta .
    Ti volevo chiedere , con cosa potrei sostituire la pentola che hai usato tu , io ho una pirofila di ceramica con coperchio dici che potrei usarla per questo pane , magari aumentando le dosi dato che è un pochino grande e di forma ovale ?
    mi piacerebbe provare a farlo l'ho visto spesso in rete ma mi manca il contenitore in cui cuocerlo .
    Buona serata e complimenti per il tuo blog ci sono un sacco di bellissime ricette .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non importa se non hai la pentola che ho io basta che sia in ghisa o comunque in materiale molto resistente e che tenga il calore.
      La pirofila dovrebbe andare bene ma serve anche il coperchio.

      Grazie dei complimenti!
      Se lo provi poi fammi sapere.

      M.

      Elimina
    2. Ok grazie a te per il consiglio, la mia pirofila ha il coperchio , se lo provo ti faccio sapere
      grazie ancora e buona Domenica.

      Elimina
  7. bellissimo pane che bella sfida alla fine hai vinto tu.complimenti

    RispondiElimina
  8. Questo pane ha un'alveolatura fantastica e si vede già dall'impasto che è una ricetta da provare e ti dirò, ne ho visti di diversi in giro, ma tu mi hai messo veramente voglia di provare. Ti farò sapere. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora Natalia, non aspettare, buttati!

      Poi fammi sapere!

      Elimina
  9. Questo pane è meraviglioso... anche io lo preparo di tanto in tanto... e la prima volta, come te, un insuccesso... ma dopo il risultato è stato un successo!!! A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, mi consolo, non solo io ho fatto una schifezza a suo tempo! :D
      Mi son sentita così imbranata allora!

      ciao M.

      Elimina
  10. splendida faccia!! ...la lunga attesa per la rivincita è stata decisamente premiata :)))

    RispondiElimina
  11. Anche io l'ho fatto una decina di anni fa, insieme alle ciabatte e alla pizza. E ora che ci penso non l'ho mai rifatto per pubblicarlo.
    Il tuo ha un aspetto golosissimo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonietta allora devi riprovarci!! ;)

      ciao ciao

      Elimina
  12. e sei stata ripagata... è fantastico, bellissimo!!!!
    un abbraccio.
    buon we

    RispondiElimina
  13. Mia fatto, chissà che qualcuno per Natale non mi regali quella pentola :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao Morena,
    vorrei provarlo anch'io!
    Posso sostituire la farina di farro con la semola? La quantità d'acqua la lascio invariata?
    Viola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola, certo puoi modificare la farina ma attenta ai liquidi.

      ciao
      Morena

      Elimina
  15. Ciao Morena. Io adoro il farro e le tue ricette. Ho provato anche questa; per la cottura ho usato una pentola in ghisa con coperchio. Il pane è venuto con un alveolatura fantastica e di sapore buonissimo; solo che la mollica era ancora un pò umida e la pagnotta non si è gonfiata bene il forno come la tua, non ha fatto la cupola. Da cosa può essere dipeso tutto ciò? Forse avrei dovuto lasciare il pane in forno per qualche altro kinuto? E un' altra cosa: ho fatto un pò fatica a ribalatare l'impasto nella pentola, anzi forse sono stata poco delicata. Puoi suggerirmi la tecnica? Grazie, Alessandra

    RispondiElimina
  16. Ciao Alessandra,il fatto che non ti ha fatto la cupola mi fa pensare che probabilmente nel ribaltarlo ha rovinato la lievitazione. Ci vuole un colpo sicuro ma delicato nello stesso momento. L'umidità interna è segno che non era perfettamente cotto. Magari la prossima volta lo togli dalla pentola e lo rimetti inforno ancora un po'.

    Ciao Morena

    RispondiElimina
  17. Ciao,potrei gentilmente sapere il diametro della pentola?vorrei regalarmela x natale e poi provare a fare il pane.
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao maria carmela, è di 22 cm è scritto nella ricetta ;)
      ciao ciao
      Morena

      Elimina
    2. ciao, lo letta e riletta tutta, che sbadata!
      Grazie ancora e scusa.

      Elimina
  18. ciao morena volevo chiederti si puo usare anche una pentola d acciaio?grazie per la risposta ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, la pentola d'acciaio non è il massimo, però se non hai altro usala pure. attenta ai tempi di cottura.
      Buona Pasqua
      Morena

      Elimina

I vostri commenti alimentano il blog e mi fanno sempre molto piacere.
Commenti ANONIMI NON saranno pubblicati.
Per informazioni scrivetemi a: mentaecioccolato08@gmail.com