"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)

giovedì 5 ottobre 2017

Ensaimadas de Mallorca, tipiche Brioches Spagnole buone da morire!


Da tanto tempo avevo in mente di fare questo dolce. L'ho visto parecchio tempo fa su Pinterest e ne sono rimasta folgorata. Ho salvato la foto e poi come si sa il tempo passa. Finalmente la settimana scorsa mi sono decisa. Son partita subito con doppia dose e tanto è stato il successo che dopo pochi giorni ho impastato nuovamente direttamente in tripla dose.
Ora vi racconto qualcosa su questa sorta di girellona/brioche.

Si chiama ENSAIMADAS DE MALLORCA e come dice il nome è tipico dell'isola di Maiorca, viene venduto in tutte le pasticcerie all'interno di una scatola esagonale. E' una preparazione tradizionale fatta con un impasto molto semplice fatto con farina, lievito, zucchero, uova, sale, acqua e strutto.Viene steso sottilissimo per poi essere spalmato di strutto, arrotolato e rigirato a formare una spirale. La sua caratteristica principale è quella di essere friabile e croccante quasi a sembrare un croissants grazie alle sfoglie sottili che si formano nell'arrotolamento. Si può lasciare vuota o farcire con crema, confettura o altro. 

Le mia variante è stata quella di aggiungere all'impasto un po' di vaniglia e della scorza di limone ma la ricetta non li prevede. Ne ho fatte metà vuote e metà con confettura. Mi sono piaciute tantissimo tutte :D Vi sembra strano??
Nell'impasto c'è pochissimo olio ed ho usato burro per spalmare la sfoglia al posto dello strutto. L'impasto è molto elastico e si tira in mondo sottile molto facilmente, vi stupirà!
Con questa dose ne vengono 12 belle grandi, il mio consiglio è quello di non farle più piccole sarebbe solo una tribolazione. La prima volta ho fatto doppia dose e due giorni fa tripla. Così per qualche fine settimana io e la mia metà abbiamo la colazione assicurata.
Ma andiamo alla ricetta che ho preso QUI e per me la ricetta è perfetta. Basta fare attenzione alla quantità di acqua.


ENSAIMADAS DE MALLORCA
Brioches Spagnole

Dose per 12 pezzi (grandi)
900 g di farina forte (io Brioches Soft Molino Dallagiovanna W 320) In alternativa una W 260-280
1 cubetto di lievito di birra fresco oppure una bustina di quello secco da 7 g
180 g di zucchero
3 uova
8 g di sale
3 cucchiai di olio di semi di girasole
340 g di acqua circa
Scorza grattugiata di limone (mia aggiunta)
vaniglia (mia aggiunta)

Inoltre.
25 g di burro morbido per ogni Ensaimadas quindi 300g (ma ne servirà meno)
Zucchero a velo da cospargere oppure come ho fatto io Semolato.

IMPASTO:
Non mi son data molto pensiero nella preparazione dell'impasto. Ho buttato tutti gli ingredienti nella ciotola della planetaria, quindi voi fate uguale. Sotto sale e zucchero, poi farina, lievito sbriciolato e tutti gli altri. Non versate tutta l'acqua ma aggiungetela alla fine se serve.
Avviate a bassa velocità e lasciate impastare finché si forma un impasto omogeneo. Dovrà essere morbido. Nel mio Kenwood meno di 6 minuti.
Passate il panetto nella spianatoia, copritelo a campana e lasciatelo riposare 10 minuti poi lavoratelo 2 minuti a mano per renderlo liscio. Avvolgetelo a palla e mettetelo in un contenitore o ciotola coperto con pellicola. 
Ora aspettate un'ora circa o fin che non vedete che parte la lievitazione e poi mettete in frigo fino al mattino dopo.
Togliete dal frigo e se non è raddoppiato aspettate. nel frattempo avrete già tolto il burro dal frigo e dovrà essere morbidissimo. Eventualmente passatelo qualche secondo in microonde.



FORMATURA:
-Dividetelo in 12 pezzi uguali (circa 130 g) Formate delle pagnottine e tenetele coperte fin che non    procedete man mano con la formatura (1)
-Stendete a rettangolo di circa 15x35 cm (2)
-Spalmate circa 20-25 g di burro con un pennello di silicone o meglio con le dita. (3)
-Infilando le mani sotto alla sfoglia tiratela acora fino a renderla sottilissima. Vedrete che non avrete  difficoltà e vi sorprenderà la sua elasticità. (4)



-Ora con un po' di pazienza arrotolatelo partendo da un angolo. Io iniziavo dall'alto a sinistra ed andavo verso destra, poi tornavo a sinistra e via così fino alla fine. Aiutatevi eventualmente oliando leggermente il piano di lavoro prima di iniziare. (5)
-A questo punto formate una spirale senza stringere troppo (6) e passate sulla teglia rivestita da carta
 forno. Tenetele distanziate perché cresceranno molto.
-Se volete farle farcite vi consiglio di allargarle un po' meno, spalmate comunque del burro e poi  mettete la confettura o la crema o la crema di nocciola come in foto (7-8) senza esagerare altrimenti uscirà e si spaccheranno in cottura.


-Arrotolate chiudendo bene le estremità e poi formate la spirale (9-10) Non dovete farla troppo stretta altrimenti diventeranno brioches, invece dovrebbero essere croccantine e friabili. Lasciate pure anche un leggero spazio fra i giri.
-Per riconoscerle da quelle vuote mettete una punta di farcitura nel centro. Questo ovviamente è facoltativo.
-Coprite e fate lievitare fin quasi al raddoppio (a casa mia circa un'ora e mezza)
-Infornate a 180° statico per 15 minuti nel ripiano centrale del forno.

Sfornate ed a questo punto avete due possibilità.
Cospargere con zucchero a velo come da tradizione oppure come ho fatto io spennellate di burro fuso (appena sfornate) e passate nello zucchero semolato.
Io adoro le brioches con lo zucchero semolato in superficie che scrocchia sotto ai denti e si appiccica alle dita ed alle labbra. Ci si ustiona un pochino ma ne vale la pena. :D

PRECISAZIONI
Potete farle in giornata usando una farina più debole oppure sempre Brioches soft miscelata a metà farina debole.
Se non avete questa farina (brioche soft) usate una normale W260-280 per pizza e focaccia (12% di proteine). In questo caso non serve il passaggio in frigo.
Potete congelarle da cotte.
NON serve un burro da sfoglia ma uno normale. Quello che usate abitualmente. Meglio se tedesco o francese. Non usate olio d'oliva nell'impasto ha un sapore troppo forte.




Qui si vede l'interno di quelle farcite che ho tenuto leggermente più spesse. Quelle vuote hanno le sfoglie sottili sottili e friabilissime!!
Se qualcuno è andato a Maiorca ed ha avuto la fortuna di provare queste Ensaimada mi faccia sapere come sono. Io prima o poi ci andrò e mi fionderò nella prima pasticceria che incontrerò!!

Spero vi piacciano e se le provate non mancate di avvisarmi. Se le pubblicate su Instagram taggatemi #mentaecioccolatoblog

CIAO CIAO alla prossima!

22 commenti:

  1. Veramente golose, mi salvo la ricetta. Grazie Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Terry. Sono veramente buone, mi hanno sorpreso!
      Un bacio
      Morena

      Elimina
  2. Mi sto sciogliendo come il burro nella scodella a vedere questa meraviglia!!!! Magari la metto in conto per una di queste colazioni invernali della domenica. Bellissima e grazie per avermi fatto scoprire questa delizia. A presto LA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura devi assolutamente provarle! Ti sorprenderanno per la loro bontà e non smetterai di rifarle!

      Baci
      M.

      Elimina
  3. Sono veramente belle!
    Complimenti!
    Irene

    RispondiElimina
  4. Complimenti sono davvero un sacco invitanti!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mila sono veramente buone!
      Grazie per la tua visita :)

      M.

      Elimina
  5. Irresistibili!!! Secondo te, facendo pezzature più piccole (80 g, siamo tutti a dieta!) si seccano troppo? Grazie per questa splendida ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi farle anche più piccole ma farai più fatica a formarle. Vedi tu. Io ho preferito la misura più grande e le ho poi divise a metà.
      Fammi sapere

      M.

      Elimina
    2. Fatte ieri!!! Abbiamo rischiato l'indigestione da quanto sono buone:-).
      Come ti dicevo, ho ridotto di 1/3 la grammatura (600g farina) e formato con circa 85g. Ho steso un rettangolo di 20x15cm e cotto a 190°C per circa 12 minuti. Spettacolari!!! Per fortuna c'è il congelatore...
      Grazie infinite per la ricetta e per la tua disponibilità.

      Elimina
    3. Mi fa molto piacere che siano piaciute! Io continuo a rifarle e le congelo. Le scaldo e sono perfette!
      Grazie a te per averle provate!
      M.

      Elimina
  6. Dove si comperano queste farine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direttamente sul sito del Molino Dallagiovanna.

      Elimina
  7. Mamma mia cosa devono essere queste brioche. Mi hai fatto venire una fame, sono qui che to sbavando davanti a queste meraviglie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elenuccia scusa il ritardo. mannaggia a me ed alla mia scarsa memoria!! Queste Ensaimadas hanno fatto impazzire molte famiglia. C'è chi le sta rifacendo di continuo :D Io pure!!
      Un bacio
      Morena

      Elimina
  8. Grazie Elena, posso assicurarti che sono di un buono incredibile! Creano dipendenza mannaggia a loro! :D
    M

    RispondiElimina
  9. Io le ho scoperte, fatte e postate 4 o 5 anni fa e ricordo la bontà! Meravigliose le tue

    RispondiElimina
  10. Ciao Morena, pensavo di provarle prox. wend con la farcitura - zucchero e cannella....che ne dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Miriam, certo puoi farle anche così ma non saranno più ensaimadas ;)
      Morena

      Elimina

I vostri commenti alimentano il blog e mi fanno sempre molto piacere.
Commenti ANONIMI NON saranno pubblicati.
Per informazioni scrivetemi a: mentaecioccolato08@gmail.com