"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)
Visualizzazione post con etichetta Lievito Naturale. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Lievito Naturale. Mostra tutti i post

venerdì 29 giugno 2012

Rinfresco in acqua del Lievito Madre



Il Lievito Madre..questo blob che tanto amiamo ed altrettanto odiamo..che curiamo con amore e che allo stesso tempo dimentichiamo..
Ma perchè è così complicato, bisogna rinfrescarlo, fargli il bagnetto, poi sa di acido, gli impasti ci mettono una vita a lievitare...perchè ci accolliamo tutto questo??
Perchè?..per orgoglio, perchè dobbiamo vincere la partita..perchè quel ROBO lì fatto di acqua e farina non può distruggerci e non può sconfiggerci!!..eppure questo miracolo lo vogliamo con tutto il cuore e soffriamo se per caso passa a miglior vita..
Faccio poco pane con LM perchè quello che si ottiene è un pane profumato, favoloso, digeribile ma aimè ha la crosta dura e si sa..qui da me non va.. Quindi quando lo faccio poi me lo devo mangiare io..!
Questo fa sì che qualche volta dimentichi il rinfresco e mi ritrovo con il lievito acidulo.
Ora però so come farlo in acqua..
Metodo Renato Bosco di Saporè di San Martino Buon Albergo che ha mostrato come si fa all'evento di Milano.


giovedì 14 giugno 2012

Pane al Latte a lievitazione naturale e.....Foursquare, Instagram, Twitter, FB, follow, follower, e chi ci capisce..?!?!

               
             Ultimamente sto scoprendo quanto impedita sono in fatto di tecnologia.!! Decisamente il lavoro della foodblogger richiede una laurea in ingegneria informatica e questo per me è arabo ostrogoto!!.. Non che proprio non ci capisca nulla visto che mi gestisco tutto io però in alcune occasioni mi sento verramente arretrata..ed ignorante!!
Ora ditemi la verità, a parte fb che ok sono iscritti anche i cani (e questo mi piace!) chi di voi sa usare twitter, pinterest, foursquare, instagram, Pat (questo è nuovo e manco so come si scrive!!) e diavolerie varie..
Inizialmente mi dicevo no no, io non mi iscrivo a fb..eclalà..detto fatto..twitter noooo..sono già su fb..ecco..pinterest..e che roba è?? sono pure lì..mi mancano gli altri ma poi chi ci sta dietro? mi sembra la pubblicità di Tognazzi!! hihi!!
Allora in teoria se sono in giro dovrei twittare, followare, RT-are, taggare, cancelletti, chiocciole, uccellini e tutta l'allegra fattoria.. ( followare penso sia un termine inventato da Carlo Vischi!!)..L'altro giorno mi twitta un messaggio..io rispondo e lui..e gli RT??? cheeee???!?!?!?!...RT e che roba è? poi mi esce con gli hustang ast...chi!?!?!? non sarà mica un'altra novità..(l'ho dovuto cercare su google ehehe!!)..dovrei girare con PC, I-Pad, I-phone, I-uto!!..e non perdere momenti importanti per pubblicare notizie varie..Quindi ogni volta che vado ad un evento in valigia invece di shampoo e deodorante dovrei mettere tutta sta roba più macchina fotografica..naaaaa!! vorrà dire che viaggerò con carrello tenda al seguito..AIUTOOOO!!!!!...mi compro un piccione viaggiatore è decisamente più semplice..!!

Parliamo della ricetta che è meglio..e decisamente ci capisco qualcosa in più!! Anche questa di Sara Papa, il suo aveva le noci il mio no..mi raccomando, messaggi brevi e mirati, solo 140 lettere!! :-))).


martedì 5 giugno 2012

Treccine e Gemellini con albicocche a lievitazione naturale...per una colazione light..o quasi!! ..e se mi permettete...




Confesso che ultimamente mi sento un pò scabinata, triste, ansiosa, timorosa. Quello che sta succedendo mi ha sconvolta ed ho una sensazione di pericolo interminabile nell'anima. L'Emilia sta passando un momento veramente disperato, anzi dovrei dire un inferno. Sono a 100 KM circa da Mantova quindi non vicinissima ma nemmeno lontana, qui non ci sono stati danni, ma paura quella sì..è un'ossessione, ogni momento, ogni sussulto ogni piccolo rumore mi fa sobbalzare. Non parliamo della notte, silenzio, buio, tutto sembra più pauroso. Arrivare a prendere qualcosa per dormire non è buono e non fa bene ma è l'unico sistema per riposare un pò.. Penso sempre a coloro che invece sono lì, magari guardano la loro casa ridotta in pezzi, comprata dopo anni di lavoro e sacrifici. Tutto distrutto, tutto svanito.. ricordi, pensieri, momenti di vita. Questa volta è diverso, non c'è stata una grossa scossa e poi uno sciame di piccoli movimenti di assestamento ma se ne sono susseguite altre di forti.. dei nuovi episodi quasi ad annullare il precedente..Finirà?..quando finirà..se finirà..difficile non pensarci!
Non sono molto in vena di mettermi a pasticciare, non mi concentro, non ho idee.. Faccio quello che devo per lavoro ma per il mio bloggino poche idee..
Oggi vi lascio queste brioches fatte un paio di settimane fa sulla scia del corso di lievitati, del pane casereccio e dei grissini.. Quindi sempre a lievitazione naturale, da una ricetta di Sara Papa con leggere modifiche di lavorazione ed ingredienti.. Ottime per la colazione, leggermente intiepidite. contengono pochissimo burro e niente zucchero.!!




TRECCINE E GEMELLINI A LIEVITAZIONE NATURALE CON ALBICOCCHE DISIDRATATE

Ingredienti:
250 gr di farina 00
250 gr di farina 0 per pane
280 gr di latte
70 gr di albicocche disidratate
150 gr di LM o 15 di lievito di birra
1 uovo da 50 gr (medio)
2 cucchiai di miele
50 gr di burro
10 gr di sale
aromi (scorza d'arancia grattugiata)

Come sempre ho rinfrescato il lievito la sera prima ed il mattino, nel momenti in cui era al massimo della maturazione ho iniziato l'impasto. Naturalmente con il Lievito di Birra i tempi si riducono..

Prima di tutto ho tagliato a pezzettini le albicocche e li ho messi in ammollo per 10 minuti in acqua poi li ho scolati ed asciugati.

Sciogliere il LM spezzettato in una parte di latte (poco meno di metà) usando la foglia nella planetaria. Aggiungere quindi qualche cucchiaiata di farina e formare una sorta di crema.
Aggiungere tutto il latte e la farina ed impastare sempre a bassa velocità. Unire via via l'uovo leggermente battuto, il miele, la scorza d'arancia e portare ad incordatura.
Aggiungere il sale e poco per volta il burro morbido. Mettere il gancio ed incordare. Per ultime le albicocche. impastare giusto il tempo di amalgamarle..
Passare l'impasto nella spianatoia leggermente infarinata e dare delle pieghe per rinforzare l'impasto. Rimetterlo nella ciotola leggermente unta, coprire con pellicola e mettere a raddoppiare in posto tiepido. Ci vorrà qualche ora quindi pazientate.

Infarinare la spianatoia leggermente. rovesciare l'impasto delicatamente e senza sgonfiarlo troppo.
Tagliarlo in 2 e con una metà fare dei rotolini ed intrecciare con l'altra metà formare dei panini.
Posizionare le treccine in una placca foderata di carta da forno.
Le palline in un'altra mettendole vicine 2 a 2. Coprire e lasciare lievitare ancora fino al raddoppio. 
Spennellare con latte (io non ho usato l'uovo) e cospargere con poco zucchero semolato.
Infornare a 180°-190° per 20 minuti circa, statico, a metà altezza. Nel momento in cui infornate buttate nel fondo del forno qualche cubetto di ghiaccio.
Sfornate e fate raffreddare.



 Si può dire che contenendo pochissimo burro e niente zucchero sono quasi light o no??

Sperando che finisca questo brutto periodo e che L'Emilia possa risollevarsi e tornare a vivere vi auguro una buona settimana!!

 ---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 


sabato 26 maggio 2012

Pane Bianco Casereccio a lievitazione naturale...ed ora chi mi ferma più??




   Giuro che ora non vi assillerò con le mie produzioni con LM anche se ho già in programma altri 2 impasti per domani..non posso certo lasciarla lì ad annoiarsi e rinfrescare sempre senza motivo? o no?!?!
   Dopo i GRISSINI questo è il mio primo pane buono..anzi proprio buono a lievitazione naturale..ne sono proprio orgogliosa..!!!
   Ovviamente qui a casa non lo mangiano perchè per loro solo pane sofffffffficissimo..e sappiamo che questo tipo di impasti non sono proprio così ma a me sta bene, così me lo mangio ehehe!.. direi che ho scelto un pane casereccio semplice per non complicarmi la vita al primo esperimento..eheheh!!
   L'avevo visto anche da lei e mi aveva proprio invogliata!!
Sempre dal libro di Sara Papa.. "Tutta la bontà del Pane". Con lavorazione modificata leggermente.

   Volete sapere come si fa?? ok! vi scrivo anche la quantità di lievito di birra ovviamente cambiano i tempi di lievitazione.
Non vi scrivo i tempi di lievitazione perchè ormai sapete che non sono sempre uguali. dipende dalla temperatura, dalla forza del lievito madre e da tutta un'altra serie di combinazioni. Dovrete farvi l'occhio e con l'esperienza capirete come gestire i tempi. ovvio che con il lievito madre se impastate il mattino ce l'avrete per cena..

PANE BIANCO CASERECCIO

Ingredienti per 2 pagnotte:

600 gr di farina 0
150 gr di lm oppure 12 gr di lievito di birra
350 gr di acqua (io 50 gr in più circa)
12 gr di sale (invece che un cucchiaino)

Avevo rinfrescato il lievito la sera prima ed anche il mattino. Si impasta sempre quando ha raggiunto la maturazione massima.

  Spezzettare il lievito nella ciotola della planetaria, aggiungere un pò d'acqua ed avviare a bassa velocità con la foglia.
  Aggiungere un pò di farina fino ad ottenere una crema, quindi alternare un pò d'acqua ed un pò di farina sempre mantenendo l'impasto morbido.
quando avrete unito tutta l'acqua (io ne ho aggiunto in più) unite il sale e dopo qualche secondo il resto della farina. Portate ad incordatura quindi cambiate e mettete il gancio. incordate bene di nuovo.
  Togliete l'impasto dalla ciotola, fate qualche piega, formate una palla quindi mettetela in una ciotola leggermente unta con olio d'oliva. Coprite con pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio in un posto caldo lontano da correnti d'aria.

  Quando sarà raddoppiato capovolgete delicatamente l'impasto sulla spianatoia leggermente infarinata. schicciate senza dare troppo peso con il palmo delle mani l'impasto quindi tagliatelo in 2 parti uguali. Prendete ogni pezzo, mettetelo con il tagli in alto e ripiegate in 2. Poi incartate cercando di inglobare aria nell'impasto (Vedete QUI come si incarta).
  Formate due filoni, metteteli nella placca foderata di carta forno, coprite con della pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio.
  A questo punto prendete una lametta e fate dei tagli sulla superficie.. Non tenendo la lama perpendicolare ma a 45° come se voleste spellarlo. ripassate anche 2-3 volte con mano decisa. quindi pennellate con acqua il taglio (questa l'ho imparata al corso e permette che i tagli si aprano in cottura).

  Infornate a 210° per 15 minuti poi abbassate a 180° per altri 35 minuti. spegnete il forno, togliete le pagnotte e rimettetele in forno in modo che rimangano in piedi appoggiate alle pareti. Lasciate finche si raffredda il forno con lo sportello semi aperto..
  Quindi mettete le pagnotte a raffreddare completamente sempre in piedi coperte con uno strofinaccio..



Ho già pronta la PM, domattina nuovo rinfresco e poi via..si impasta di nuovo!!
Ciao alla prossima!

 ---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 

giovedì 17 maggio 2012

Grissini a Lievitazione naturale....




Non è una novita che io ed il lievito naturale non andiamo molto d'accordo..o meglio lui preferisce panettoni e colombe..(che sia goloso??) infatti assieme sforniamo delle delizie..Ma per quanto riguarda il pane, niente da fare.. prove su prove, tentativi, ricette e metodi diversi.. insomma nonostante abbia letto e riletto di tutto e di più non sono mai e poi mai riuscita a fare un pane decente.. puntualmente finiva nella spazzatura..
Ero così avvilita che avevo rinunciato mettendolo a dormire rinsecchito e polverizzato a giugno dello scorso anno.. Poi chissà come vista la possibilità di partecipare ad un corso di panificazione ho deciso di ritentare..
Eh già, sabato e domenica scorsi ho partecipato al corso di Adriano e Paoletta.. due giornate full immersion intensissime, mi ci sono voluti 3 giorni per recuperare.. sarà l'età che avanza??
Insomma ho ereditato l'ennesimo pezzetto di lievito e questa volta sono decisa, devo farcela e devo trovare la giusta armonia per un matrimonio perfetto!! Ieri presa da un raptus ho fatto ben 2 impasti,  dico 2 eh!!!
Un pane casereccio e questi grissini. Come mio solito non riesco a seguire passo passo la ricetta e quindi le dosi sono di Sara Papa dal libro "tutta la bontà del pane", le lavorazioni delle Simili e di Paoletta ed Adriano un mix veramente particolare.
Dunque la giornata di ieri era particolarmente fresca e quindi per ore l'impasto non si è mosso di un millimetro..l'ho messo nel forno appena intiepidito et voilà..eccolo che è partito.!
per chi non ha il lievito naturale servono 15 gr di lievito di birra, ovviamente i tempi si accorciano.


GRISSINI A LIEVITAZIONE NATURALE

Ingredienti:
600 gr di farina 0 (per pane)
150 gr di lievito naturale in completa maturazione
oppure 15 gr di lievito di birra
250 gr di acqua (io ne ho aggiunti 30 circa in più)
60 gr di strutto (oppure 100 di olio d'oliva)
10 gr di sale
2 uova per spennellare (io non li ho usati)
semi di papavero, sesamo e girasole (non li ho usati)
+ come mia modifica farina di semola rimacinata, piramidi di sale al rosmarino, olio evo.

Avevo rinfrescato il lm la sera prima e poi anche il mattino.
Spezzettare il lievito in metà acqua circa e con la foglia lavorare a bassa velocità, quindi unire un pò di farina fino ad ottenere una crema. Alternare acqua e farina cercando sempre di incordare l'impasto. Dopo aver finito l'acqua, aggiungere il sale e dopo pochi secondi il resto della farina. Incordare bene cioè impastare a bassa velocità finchè l'impasto si aggrappa alla foglia ma ne rimane sempre un pò attaccato al fondo. A questo punto aggiungere lo strutto a pezzettini. Riportare ad incordatura. Mettere il gancio ed impastare ancora finchè non si otterrà un impasto liscio e morbido.
Rovesciare l'impasto nella spianatoia e dare qualche piega formando una palla. Oliare una ciotola, mettere l'impasto, coprire con della pellicola e lasciare lievitare fino al raddoppio.
Ovviamente qui il tempo lo dovrete vedere voi in base alla temperatura che avete in casa. Ieri ad esempio da me c'erano 20° e per ore non si è mosso finche ho deciso di metterlo nel forno appena tiepido.
Cospargere la spianatoia con della semola rimacinata. Rovesciate l'impasto molto delicatamente e cercate di stenderlo con le mani a rettangolo dello spessore di 1 cm... Spennellatelo con olio d'oliva ed anche la carta forno che avrete messo nelle placche.
Accendete il forno a 200° (il mio impiega quasi mezz'ora)
Tagliate delle striscioline di 1 cm circa. prendetele delicatamente e disponetele sulle placche attorcigliandole un pò..(appena appena). Spennellate nei punti asciutti, e spolverate con altra semola.
in alcuni cospargete dei granelli di sale al rosmarino.
Questo ultimo passaggio della pennellatura e della semola con il sale è opera mia quindi se volete non fatelo e spennellate con uova battute cospargendo con i semini.
Lasciatei riposare 15 minuti poi infornateli per 20 minuti, abbassate la temperatura a 150° e cuocete per altri 15 minuti. Spegnete e lasciateli dentro con sportello semi aperto per un altro pò così si asciugano bene.
Sfornateli e gustateli...!




Ho usato dei Cristalli di Sale al Rosmarino FALKSALT che mi sono stati spediti da Degù distributore per l'Italia. In questo caso non si vedono, ho pensato all'ultimo di utilizzarli, ma ne ho anche uno al limone che non vedo l'ora di provare, e poi ho quello al finocchietto e quello naturale..sìsìsìsì!!! Ve ne riparlerò..

PS. Oggi ho saputo che qualche settimana fa è uscito questo articoletto..Beh, è piccino ma io ne sono felice..posso??
e poi vi avviso che il 9 giugno ci sarà il nuovo corso. Ora scappo a studiare qualcosa...!!!

 ---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------


giovedì 1 dicembre 2011

Il Panettone a Lievitazione Naturale ...







Ed eccoci arrivati come ogni anno al periodo più caotico..chi corre di qua, chi di là, i regali, le decorazioni, i biglietti di auguri, il menù..i panettoni..ecco, i panettoni! Da qualche anno io li faccio con lm, ho una ricetta favolosa che non mollerò più. Non so se quest'anno riuscirò a farli, ho molte ricette da preparare per Vallé. però non vi voglio lasciare a bocca asciutta e se mi permettete ripubblico questa ricetta.!





Se riesco vorrei ripetere l'esperienza di prepararlo in contemporanea con altre amiche su fb, magari con lievito di birra....intanto se volete leggere il procedimento passo-passo andate al post....


 IL PANETTONE A LIEVITAZIONE NATURALE



---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------





giovedì 17 dicembre 2009

Ecco cosa succede se un Panettone è troppo........BUONO!!!!......Come farlo passo-passo..


Succede che ne rimangono solo un paio di misere fettine..eh già perchè martedì l'ho rifatto..giusto per rinfrescarmi la memoria in previsione dei 6 chili fatti ieri..na faticaccia..il mio Anto ha proposto di comprare un'impastatore da 10 chili!!!..e dove cappero lo metto??'..e poi..ci vorrebbe pure un forno in grado di cuocere 10 chili di roba!!hihihi!!gli uomini..non hanno il senso della misura!!
So che l'ho già postato qui, ma non avevo messo la lavorazione (qui ho leggermente modificato la quantità di uvetta e canditi)invece oggi voglio pubblicare tutto il procedimento con qualche foto dei passaggi più importanti...Le foto sono piccole ma basta cliccarci sopra e si ingrandiscono..
Devo dire che in quest'ultimo anno ho imparato una pò di cose riguardo ai lievitati e perciò conosco un pò di più i comportamenti e come devono essere a fine lavorazione..ecco che questo panettone è venuto di un soffice incredibile...da non credersi!!.stamattina a colazione ne abbiamo fatto fuori metà in 3!!!...come quello dello scorso anno è fatto con il Lievito Naturale e visto che c'è bisogno di fare 3 rinfreschi metterò anche la mia tabella di marcia..ecco anche questo lievito madre ha per me molti segreti..ne ho già fatti fuori 2 e spero non ci sia il terzo!..comunque sto cercando di studiarci sù..
Prima della ricetta qualche premessa..
calcolate che dovete iniziare il giorno prima del primo impasto con i 3 rinfreschi utili..
-non abbiate fretta nell'impastare dovrà incordarsi per bene..con la planetaria ci potrebbero volere anche 40-50 minuti lavorando sempre a velocità 1-2..
-so che a molti non piacciono i canditi ma consiglio di metterli lo stesso tritandoli..lasciano un sapore inconfondibile...
-con questa dose si fa un Panettone da chilo o 2 da mezzo..
-appena sfornati vanno appesi a testa in giù fino a raffreddamento..io uso un ferro da calza, prima faccio un buchino con uno stuzzicadenti e poi infilzo fino ad uscire dall'altra parte..poi lo metto sospeso tra 2 pentole di fortuna...
-se ben chiuso nei fogli di plastica appositi dura anche un mese...
-meglio iniziare con poca PM
-per chi non ha la PM preparare una biga con 5o gr di farina, 8/10 gr di lievito, 30 gr di acqua..mettere a lievitare fino al raddoppio (circa un'ora) poi seguire la lavorazione dal primo impasto usando la biga al posto della PM....

PANETTONE MILANESE

I rinfreschi:

Domenica Sera rinfrescare
50 gr di PM
100 gr di farina
50 gr di acqua

Lunedì mattina rinfrescare e legare
100 gr di PM
150 gr di farina
75 gr di acqua

Lunedì a pranzo rinfrescare
50 gr di PM
50 gr di farina
25 gr di acqua

Ingredienti totali per 1 panettone da KG o 2 da 500 Gr.
320 gr di farina forte
90 gr di burro
90 gr di zucchero
4 tuorli
10 gr di miele
165 gr di canditi
165 gr di uvetta
90 gr di PM
165 gr di acqua (100 con lo zucchero e 65 un pò alla volta)
3 gr di sale


Lunedì sera primo impasto
90 gr di PM
260 gr di farina
70 gr di burro a pezzetti
70 gr di zucchero
2 tuorli
165 gr di acqua

Sciogliere lo zucchero in 100 gr di acqua ...Lavorare la pm con i tuorli per 5 minuti finche sarà ben sciolta.



Unire l'acqua con lo zucchero e mescolare bene...poi unire tutto insieme il burro con la farina ed impastare fino a legatura..poi unire poco alla volta l'acqua rimanente (65 gr)...portare ancora a legatura..l'impasto sarà molliccio ma ben incordato..mettere a lievitare coperto fino al mattino.
A TEMPERATURA AMBIENTE.



Martedì mattina 2° impasto
60 gr di farina
20 gr di burro fuso ma freddo
20 gr di zucchero
10 gr di miele
2 tuorli
3 gr di sale
165 gr di uvetta
165 gr di canditi
aromi arancia, limone, vaniglia (provate quello naturale home made )

mettere in ammollo l'uvetta ed asciugatela per bene..tritare i canditi se non li volete interi..poi mischiateli con l'uvetta così eviterete che si formi un blocco unico costringendovi a lavorare troppo l'impasto per amalgamarli..
unire al primo impasto tutto assieme la farina, lo zucchero, il sale, gli aromi, il miele..impastare fino ad incordatura..



unire i tuorli un pò alla volta e riportare ad incordatura..qui sotto si vede bene come deve presentarsi..si staccherà dalla ciotola..poi il burro fuso ma freddo in 2-3 volte...



a questo punto unire i canditi con l'uvetta e lavorare giusto il tempo che si amalgamino..



Coprire e mettere a riposare per un'ora, poi mettere l'impasto nello stampo..coprire e lasciare lievitare finche arriva al bordo..ci vorranno 4-5 ore..a questo punto io personalmente ho sempre avuto il terrore di fare il taglio a croce per paura che si afflosciasse tutto..ieri però ho scoperto che lasciando gli ultimi 15 minuti i panettoni senza copertura formavano una pellicola sopra che ho tagliato benissimo con una lametta..ho messo un piccolo pezzetto di burro e via in forno...i primi che ho infornato non sono venuti belli come gli ultimi con il taglio..

Cuocere 60 minuti a 180 gradi eventualmente coprendo con alluminio se si colora troppo..
volendone fare 2 da 500 gr cuocere per 30 minuti..




Ora capite perchè è finito in fretta?






Martedì si replica..ne voglio fare altri 2..la settimana prossima vi mostrerò la foto della mia produzione...


---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 


AddThis