"LA MAGIA"

Unire, mescolare, frullare montare pochi ingredienti e poi....puff!! dal forno escono dei dolci deliziosi!! Ecco...questo mi affascina ogni volta...! E non riesco a rinunciarci..!! Ogni volta rimango con il naso davanti al forno e vedo una massa più o meno densa trasformarsi... io la chiamo..."La Magia"!!!(MorenaR.)

giovedì 25 febbraio 2010

Brioches o Girelle sfogliate di Giorilli ed a presto!!


Ultima ricetta prima di partire...eh già vado qualche giorno in montagna con il mio Anto ed un gruppo di amici Svizzeri..lo scorso anno li abbiamo portati a sciare sulle Dolomiti e se ne sono letteralmente innamorati tanto da voler tornare quest'anno fermandosi un pò di più...Da tenere conto che loro vivono sulle Alpi e quindi non hanno di certo dei brutti posti anzi...ma le Dolomiti, son Dolomiti che ci vuoi fare..
Forse porterò con me il pc e magari una capatina riuscirò a farla lo stesso, in caso contrario tornerò l'8 Marzo giusto il giorno del mio compleanno...ed anche quest'anno niente torta!!!..o forse mi inventerò qualcosa nei giorni a seguire anche se in ritardo...
Mi scuso anche se in questi giorni sono stata poco presente nei vostri blog, ma sono stata un pò impegnata in alcune cosucce e nei preparativi..devo infatti lasciare casa ben organizzata per i miei...Mi rifarò al mio ritorno...stessa cosa per tutti i premi che mi avete assegnato che sono tantissimi..siete troppo buoni!!
Ma andiamo a questa preparazione che ho preso dal favoloso libro "Panificando" di Giorilli..lo guardo e riguardo e non mi stanco mai anche se a dire il vero non è facilissimo e bisogna un pò interpretarlo...
Mi sono piaciute molto queste Girelle sfogliate che lui chiama Brioches, molto buone dal gusto delicato..Un impasto a parere mio versatile che si potrebbe usare anche per fare dei Croissant o dei saccottini o comunque qualsiasi cosa che richieda una pasta sfogliata..

CONSIGLI: Stranamente a parte la prima piega a 3 per racchiudere il burro le altre sono pieghe a 4, è la prima volta che mi capita, di solito sono sempre a 3 negli impasti lievitati...comunque io ho seguito fedelmente la ricetta, ho solo diminuito lievito e dose..Non ci sono riposi tra le pieghe ma solo prima di stendere l'impasto, comunque nulla vieta di farli se si trova qualche difficoltà ed il burro tende ad uscire.
Volendo fare l'impasto la sera e fare le pieghe il mattino dopo aver preparato l'impasto si può tenerlo un'ora a temperatura ambiente e poi lasciarlo in frigo fino al mattino.
Se non vi piace il sapore del burro potete usare la margarina da sfoglia che oltre a non aver sapore rende la lavorazione più facile perchè non si scioglie.
Quando si stende l'impasto non bisogna avere fretta e mettere troppa forza, va steso accompagnandolo senza strapparlo.

Ok, partiamo perchè la spiegazione è un pò lunga....per chi ha già sfogliato non ci saranno particolari novità per chi invece non si fosse mai cimentato non c'è nulla di preoccupante, si può fare tranquillamente..

martedì 23 febbraio 2010

Ancora pane...Le Mantovanine e qualche Notiziola!!


Ieri è successa una cosa spiacevole su fb che riguarda non solo me ma tutta la sfera di noi food blogger...Ho scoperto che una persona aveva aperto un blog, copiato ed incollato una mia ricetta (ed altre) senza permesso con tanto di foto, mettendo sì la provenienza ma senza link diretto, ho fatto notare la cosa all'interessata la quale oltre a dimostrare la sua maleducazione ed arroganza mi ha offesa ed accusata di aver preso quelle foto altrove e di aver copiato la ricetta senza dire di chi è!....Detto questo, passo oltre e vado avanti!

Ora passiamo alla ricetta che a dire la verità non è nuova e nemmeno sconosciuta nel Web..le foto sono di qualche tempo fa, però sono così carine che le ho tenute..
Si tratta ancora di Pane..un buonissimo Pane che si fa in poco tempo se avete fretta oppure con calma mettendo meno lievito..Sono le Mantovanine di Cameron.

LE MANTOVANINE

Ingredienti:

400 gr di farina 00 + 100 gr di Manitoba Pura(oppure 500 gr di Manitoba del Supermercato)
15 gr di Lievito di Birra
210-220 gr di acqua
1 cucchiaio di strutto
9 gr di sale
1 cucchino di malto o miele

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida con il malto o miele..mettere la farina nella ciotola dell'impastatore oppure fare la fontana con la farina nel piano di lavoro..
mettere nel centro il liquido ed iniziare ad impastare con il gancio...
a metà impasto unire lo strutto ed il sale..lavorare fino ad ottenere un impasto bello sodo e liscio..per chi le fa amano dare anche qualche battuta sul tavolo..
coprire e lasciar elievitare per crca 30 minuti..poi dividere in 8 pezzi..

A questo punto tirare ogni pezzo in una striscia lunga e piatta, con l'aiuto della sfogliatrice..o di un mattarello..arrotolare tirando leggermente senza far uscire i bordi altrimenti poi si ha un'altra forma..mettere ancora a lievitare coperti per 30 minuti..

Intanto accendere il forno al massimo lasciando dentro la placca...appena passato il tempo fare un taglio nella lunghezza del panino con una lametta o un coltello ben affilato..Passare i panini nella placca calda facendo attenzione a non scottarsi e cuocere per circa 20 minuti..dopo 10 minuti circa abbassare a 200°..regolarsi comunque in base alla colorazione del pane..


---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------

venerdì 19 febbraio 2010

Ciambelline Biscotto per Valentina....buone anche nel latte!!!


Da mesi mia nipote mi chiedeva a giorni alterni di prepararle dei biscotti..povera Valentina ormai aveva perso le speranze..poi mercoledì presa da un raptus culinario e visto che dovevo già accendere il forno per fare dei creckers e le solite treccine a lievitazione naturale ho deciso di farli..
L'impasto è semplicissimo è quasi una pasta frolla come praticamente la maggior parte dei biscotti solo che c'è un quantitativo minimo di burro e qui so che farò la felicità di molte di voi..
Ma andiamo alla ricetta non ho niente da raccontarvi, e poi non vorrete che stia qui ad annoiarvi ogni volta!!..ah, dimenticavo, sono molto buoni anche pucciati nel latte...!!!..Ho modificato una ricetta che avevo usando metà farina di riso..in questo modo sono risultati molto più friabili!..



CIAMBELLINE BISCOTTO

Ingredienti:

250 gr di farina 00
250 gr di farina di riso
150 gr di zucchero
90 gr di burro freddo a pezzetti
50 gr di latte circa
1 uovo + 1 tuorlo
mezza bustina di Lievito
18 gr di Grappa o rum
raspatura di limone e arancia io ho usato la "Spumadoro"
1 pizzico di vaniglia
1 pizzico di sale

con questa dose si ottengono una sessantina di biscotti del peso di 15 gr..sì lo so, sono un pò fuori e le ho pesate tutte!!!!!

Lavorare le farine con il burro ed il sale fino ad ottenere il famoso sfarinato della pasta frolla.
poi unire tutti gli altri ingredienti...meglio non mettere tutto illatte subito ma aggiungerlo se l'impaso lo richiede..questo dipende dalla grandezza delle uova e dalla farina..quella di riso infatti ne assorbe meno..

lavorare, formare una palla compattando con le mani, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per 30 minuti..l'impasto deve essere bello sodo e lavorabile..

passato il tempo accendere il forno a 170°-180°
dividere l'impasto in pezzetti della misura voluta..(io 15 gr circa ed ho fatto anche qualche treccina di 20 gr)..formare dei rotolini tenendo le estremità un pò più sottili..avvolgere e formare le ciambelline..disporle sulla placca, pennellare con l'albume avanzato leggermente battuto e cospargere di zucchero..
Infornare a metà altezza con forno statico per circa 25 minuti..




Vi piace questa foto?..ho voluto giocare un pò con il fotoritocco!!!..hihi!!



ciao e Buon fine settimana!!!
 
---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 

giovedì 18 febbraio 2010

Ricetta al Volo!!!..Gnocchi di Ricotta Gorgonzola e Noci


Oggi un post al volo, per un ricetta decisa al volo con idea condimento venuta al volo..più che altro con un avanzo!!!..ehehe!!
Ho rifatto per l'ennesima volta questi gnocchi di Ricotta..sono deliziosi e si preparano in pochissimo tempo...
ho modificato le quantità per comodità così uso la confezione da 500 gr di ricotta per cui ve le trascrivo..vengono circa 5 porzioni io ne ho usate metà, il resto l'ho congelato mettendoli in un vassoio ed una volta induriti passati in un sacchettino..quando servono si buttano in acqua bollente ancora congelati pochi alla volta per non raffreddare l'acqua..
Come condimento un avanzo di gorgonzola e qualche noce tritata al coltello....

GNOCCHI GORGONZOLA E NOCI


Ingredienti per 5 porzioni circa (35 a testa)

500 gr di ricotta
300 gr di farina
100 gr di grana
2 uova
noce moscata
sale

vi rimando al post originale per la preparazione a mano, oggi io li ho fatti nella planetaria con il gancio K o foglia mettendo tutti gli ingredienti esclusa la farina nella ciotola, ho avviato per un minuto circa poi l'ho aggiunta a cucchiaiate..
ho rovesciato l'impasto nella spianatoia e proseguito la preparazione..

Condimento per 5 porzioni
come detto sopra ho usato un avanzo di gorgonzola ma per 5 porzioni ne serviranno 200 gr circa
1/2 bicchiere di latte
200 ml di panna
noci tritate grossolanamente

sciogliere il formaggio in una padella a fuoco basso con il latte e la panna
Cuocere gli gnocchi, scolarli quando vengono a galla, aggiungere il condimento e cospargere di noci...



Mi scuso se passo poco a trovarvi, ma visto che devo stare un pò a stecchetto come ho spiegato qui ed essendo io golosa voglio evitare di soffrire inutilmente vedendo le vostre meraviglie...e comunque una capatina ogni tanto la faccio lo stesso....


---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 
 

martedì 16 febbraio 2010

PANINI AL LATTE di Adriano


Oggi è l'ultimo giorno di carnevale, ed immagino che molti di voi saranno lì a friggere delle leccornie buonissime...io invece me ne sto tranquilla, niente fritti, quest'anno sono stata brava, ho fatto una sola volta i dolcetti di questo periodo, praticamente i crostoli quelli fatti con solo 2 ingredienti e che avevo già postato lo scorso anno..
Questi sono i Panini al Latte di Adriano, eh già, adoro il suo blog ed ho una lista lunga lunga di ricette da provare..però sono sempre indecisa da quale devo fare per prima...
Al momento ho ai primi posti i Cinnamons and almond Rolls e le Girelle con Mele ed Amaretti, volevo iniziare gli impasti ieri sera, ma per una non riuscivo ad incastrare gli orari e per l'altra mi mancava un ingrediente così ho optato per una ricetta di Giorilli che incrociamo le dita speriamo venga bene!

Ho fatto metà dose quindi riporto le mie quantità, non ho cambiato una virgola nella lavorazione e sono venuti benissimo..ed ovviamente vista la fonte non c'era dubbio!!

PANINI AL LATTE DI ADRIANO


500 gr di farina w 280 -300 (io quella del mulino che è W 320 sostituendo 50 grammi con farina di Riso)
320-340 gr di latte intero
30 gr di burro
10 gr di strutto
15 gr di zucchero
5 gr di lievito
10 gr di sale
1/2 cucchiaino di malto
semi di sesamo per la superficie

Ore 10.00

Mescolare 250 gr di latte tiepido con il malto ed il lievito poi unire 250 gr di farina..
lasciare lievitare fino al raddoppio. (circa 90')

Ore 11.30 circa

Unire il resto del latte, metà della farina rimasta (125 gr) ed avviare con il gancio per chi usa la planetaria a vel 1..
Aggiungere il sale e dopo un pò quasi tutta la farina rimasta della farina. Lavorare bene finche non si stacca dalla ciotola ma non sarà ancora incordato, quindi unire il burro morbido e lo strutto, poi lo zucchero. Una volta ben assorbiti questi ingredienti aggiungere l'ultima farina ed a velocità 1,5 impastare fino ad incordare..io ho impiegato un bel quarto d'ora. erano ormai le 12.00 ho coperto l'impasto e lasciato lieitare fino al raddoppio..

Ore 13.45 circa

Rovesciare l'impasto sulla spianatoia dare le pieghe del 2° tipo, coprire a campana e lasciare riposare per 60 minuti.

Ore 15.00 circa

Dividere in pezzi del peso di 100 gr o come nel mio caso 80 gr formare i panini come spiegato qui senza usare farina, disporli su una placca , coprire e lasciare lievitare..(ci vorrebbero 28° ma in casa in questo periodo non è possibile qundi bisogna regolarsi in base alla propria temperatura).

Ore 17.00 circa

Arrivati a lievitazione quasi completa pennellare con latte, coprire ancora e nel frattempo accendere il forno se impiega come il mio molto a riscaldarsi..

Ore 17.30 circa

Pennellare di nuovo, cospargere di sesamo lasciare ancora qualche minuto senza coprire ed infornare a 180° per 18 minuti circa..
Io metto una placca alla volta usando lo statico..Controllo i panini sotto per vedere se sono cotti, se sono colorati sono pronti.




Prima di metterli a lievitare erano così...



OTTIMI!!!..anche con questa ricetta Adriano non ha toppato!!!



BUON CARNEVALE!!!!!!
---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 
 

venerdì 12 febbraio 2010

La PAVLOVA e mini idea per il dolce di San Valentino!!


No ma ...dico io....ma io che adoro preparare torte e biscotti, che adoro sfornare Pane e lievitati salati o dolci.. che vado in crisi di astinenza se non pasticcio a giorni alterni...Io....potevo essere intollerante agli zuccheri??????....eh sì...potevo proprio e così è e mi tocca stare a dieta...pena coliche e dolori di pancia ogni dopo pasto!!..va beh, sorvoliamo e passiamo a questa "cosa"..che non so nemmeno come chiamare e non vuole essere un disprezzo...o meglio so come si chiama, ma il nome non descrive com'è...L'avevo vista più volte in vari blog e mi aveva incuriosita...poi ne ho cercato la storia e l'ho trovata qui se è quella originale..!!.Racconta di un pasticcere innamorato di una ballerina Russa, Anna Pavlova appunto alla quale però non è mai riuscito a dichiararsi..poi un giorno lesse sul giornale che era morta di tubercolosi., disperato da questa terribile notizia arrivò a sognarla mentre moriva....Così il mattino si recò nel suo laboratorio e volle creare un dolce appositamente per lei...dopo svariati tentativi ne uscì questa Torta che originalmente prevede solamente meringa, Panna e frutta....Nel mio caso, complice un compleanno non improvvisato, ma il suo festeggiamento sì, ho deciso di provarla..iniziata praticamente la mattina e mangiata il pomeriggio...Non vi so descrivere quanto è buona!!..una delle torte più buone che abbia mai mangiato pur nella sua semplicità!!...Decisamente da rifare...

A questo riguardo troverei carina l'idea di farle in monoporzione magari a forma di cuore per la cena di San Valentino..con delle belle fragole sopra!!

Ho visto che in altre ricette si mette l'amido nella montata degli albumi..credo e dico credo che questo sia un metodo per fare le meringhe più che per preparare la Pavlova, comunque la prossima volta proverò a metterla intanto io ho usato il mio metodo e sono pienamente riuscita nella preparazione!!



LA PAVLOVA

Ingredienti per una torta di circa 22 cm

Per la Meringa

150 gr di Albumi
300 gr di zucchero
qualche goccia di Limone
Colorante Rosso in polvere o liquido

Per la Crema Pasticcera

2 tuorli
250 ml di latte
75 gr di zucchero
25 gr di Maizena
scorza di limone
1 pizzichino di sale

Per la decorazione

200 ml di Panna da Montare fresca
20 gr di zucchero
Marmellata di Lamponi o Fragole
Mirtilli freschi
Zucchero a Velo Colorato

PREPARIAMO LA MERINGA

Disegnare su un foglio di carta forno un cerchio del diametro desiderato poi girarlo sotto sopra..
Montare gli albumi finche non fa un pò di schiuma poi aggiungere un cucchiaio di zucchero...
Sempre montando aggiungere man mano a cucchiaiate metà zucchero circa...poi unire il colore (vi raccomando pochissimo alla volta) e qualche goccia di limone...si dovrà ottenere una massa ben montata e lucida...ora smettere di Montare con il frullatore ed unire sempre in più riprese mescolando MOLTO delicatamente con un cucchiaio di legno il rimanente Zucchero...
Il fatto di unire metà zucchero a mano rende la meringa con una crosticina superficiale ed un interno più leggere ed arioso..
Mettere il composto in una sacca con bocchetta larga liscia e partendo dal centro del disegno formare la base della meringa...Fare anche un paio di giri nel bordo in modo da ottenere una sorta di contenitore come si vede in foto..



Infornare a 100° circa per 2 ore e mezza mettendo una presina nello sportello..
(se rimane in forno anche di più non succede nulla)..Se si avanza una parte di impasto si possono tranquillamente fare delle Meringhette in un'altra placca che potrà essere infornata assieme usando la funzione ventilata..Queste ci potranno anche servire per controllare la cottura, basterà infatti toglierne una, aspettare che freddi e vedere se internamente è secca..ovviamente la base che è pi grossa ha bisogno di più tempo!..Passato il tempo spegnere e lasciare fino a raffreddamento, in questo modo seccherà meglio...nel caso non enisse usata subito o comunque in giornata conservarla ben chiusa in un sacchetto di nylon..
Vedere anche in questo POST specifico delle meringhe...

PREPARARE LA CREMA

Montare i tuorli con lo zucchero, la Maizena ed il sale fino a farli sbiancare, intanto portare a bollore il latte con la scorzetta di Limone..
Quando i tuorli sono ben montati versarci sopra il latte e mescolare bene...portare di nuovo sul fuoco e fare addensare...
Meglio raffreddare subito ed in fretta la crema quindi consiglio di metterla in ammollo in acqua fredda e mescolar spesso oppure come ho fatto io metterla in una pirofila e rimestarla finche fredda...
In questo POST specifico spiego come preparare la Crema..

ASSEMBLAMENTO E DECORAZIONE
Montare la Panna con lo zucchero e mettere in frigo..
Passare la base di Meringa nel piatto di portata..spalmare all'interno la crema facendo attenzione a non romperla... mettere nel centro qualche cucchiaio di marmellata passata al setaccio o comunque mescolata per ammorbidirla..
decorare con la Panna Montata, i mirtilli ed una spolverata di zucchero Rosa...
Conservare in frigo...

Ho letto che la Bontà e la caratteristica di questo dolce è il cuore morbido della Meringa ed infatti così era e gustata con la Crema delicata, la Marmellata e la Panna era squisita!!
Come detto sopra, l'originale non prevede nè Crema né Marmellata ma solo Panna e frutta Fresca, ovviamente poi ci sono molte versioni...


Si avvicina il mio compleanno e so già che dolce MI farò!!!!!



Questa preparazione partecipa alla raccolta di Aurore La cuisine en rose





ed anche alla raccolta di Kà "L'altra farina"



martedì 9 febbraio 2010

TORTA DI MELE..più Light di così non si può!!!




Che c'è di meglio di una intramontabile, soffice e buonissima Torta di Mele?...Ma che sia Light ovviamente...sarà possibile?..certo che sì..!!!
Mi sono ritrovata una sera a pensare che non avevo più Brioches per la colazione...c'erano pure 4 mele disperate che mi dicevano..."dai usaci per fare qualcosa di buono" e così ho sfogliato uno dei miei due Vangeli delle Sorelle Simili e mi sono imbattuta in questa ricetta....Incredibile, niente Olio, Niente Burro..perfetto...!!..non che io sia una che cerca le ricette di dolci dietetiche però se mi capita l'occasione la provo..!!..veramente Buona, soffice e di quelle che le mele si sentono sul serio..come piace a me!..
Ho leggermente, ma mooolto leggermente modificato il procedimento, mi è venuta meglio che seguendo il libro..!




TORTA DI MELE LIGHT
Ingredienti per uno stampo da 28 cm:

4 mele
150 gr di farina 00
120 gr di zucchero
100 ml di latte
3 uova
raspatura di un limone
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito

fiocchetti di burro e zucchero semolato per la superficie (facoltativo)

Sbucciare e tagliare a pezzettini 2 mele e mezza, l'altra mela e mezza tagliarla a fettine sottili..

Setacciare in una ciotola la farina, il sale ed il lievito..

Montare con un frullatore elettrico lo zucchero con le uova e la raspatura di limone finche diventa una massa bella gonfia ed ariosa come per il pan di Spagna.

Unire in più riprese le polveri mescolando molto delicatamente con un cucchiaio di legno girando dal basso verso l'alto in modo da non far uscire l'aria incorporata nella montatura..

A questo punto unire le mele a pezzettini e mescolarle sempre delicatamente ma non troppo a lungo..unire tutto il latte e mescolare finche sparirà dalla superficie, ma senza dilungarsi troppo..(ho visto che in questo modo viene molto meglio!).

Versare il tutto nello stampo imburrato e ricoperto di zucchero oppure foderato di carta forno..coprire con il resto delle mele...mettere qualche fiocchettino di burro qua e là e cospargere di zucchero...infornare a 180° per 40 minuti...

P.S. ho ricevuto una gentilissima mail dalla mamma di una blogger e mi succeriva che si possono mettere 80 gr di fruttosio al posto dello zucchero...Grazie...













Sì so che sono tante le foto, ne eliminerò qualcuna più avanti..
ciao ciao alla prossima con....forse un altro lievitato o una torta di Compleanno..vedremo!!!

 ---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 

venerdì 5 febbraio 2010

Treccine al profumo d'Arancia a Lievitazione Naturale..EVVAI!!!


Embè..sarà anche una cavolata, ma io sono orgogliosa di queste MIE Treccine, eh sì perchè è la prima ricetta che ho sempre fatto con Lievito di Birra (QUESTA) e che ho convertito a Lievitazione naturale ottenendo lo stesso se non migliore risultato...belle, Soffici e profumate all'arancia senza retrogusti!!..lasciatemelo dire, sono proprio stata Brava!!
la prima volta che le ho fatte erano venute benino, buone e profumate ma non sofficissime come volevo...colpa mia che dovevo avere più pazienza ed attendere di più la lievitazione..
Inoltre questa volta ho fatto l'impasto la sera prima, così mi è bastato formarle la mattina e cuocerle nel pomeriggio!! EVVAI!!!..
Le foto le ho fatte che erano appena uscite dal forno...ancora fumanti per cogliere l'ultima luce disponibile per cui niente foto dell'interno, ma se vi fidate vi assicuro che erano MOOORBIDE!!!
Ieri è stata una giornata piuttosto impegnata, ho fatto una torta di compleanno, dei simil Macaron, i Quadrotti di Mele ed Amaretti per mio cognato (che doveva portare via!) e queste Treccine, quindi pensate un pò com'ero ieri sera..ma nel complesso ero proprio contenta!!!
Ok ok ok..basta chiacchiere passiamo allo svolgimento del Tema.......OPS!! della Ricetta!!





TRECCINE DOLCI AL PROFUMO D'ARANCIA A LIEVITAZIONE NATURALE


Ingredienti:

400 gr di Farina 0 o in alternativa Manitoba del Supermercato
150 gr di Pasta Madre rinfrescato la mattina o nel pomeriggio
100 gr di latte
50-70 gr di acqua
100 gr di zucchero
60 gr di burro morbido
1 uovo
4 gr di sale
la raspatura di un' arancia o aroma

per prima cosa bisogna essere sicure che il lievito non abbia un profumo acido, io infatti l'avevo rinfrescato lunedì e poi mercoledì pomeriggio..

MERCOLEDI' ORE 22.00

ho messo nel cestello della Macchina del Pane il lievito spezzettato, l'acqua, il latte, l'uovo e l'aroma ho avviato il programma impasto per amalgamare bene il tutto..
ho poi aggiunto la farina, lo zucchero, il burro ed il sale ed ho lasciato finire il programma..poi l'ho riavviato....alla fine ho lavorato un pò a mano e rimesso a lievitare tutta la notte coperto..

GIOVEDI' MATTINA ORE 10.30 CIRCA

ho sgonfiato un pò l'impasto, l'ho diviso in 3 parti uguali, ne ho fatto dei rotoli ed ho formato una treccia lunga che ho poi troncato in pezzi lunghi circa 11 cm. ottenendo così delle treccine..(magari la prossima volta farò delle foto di questo passaggio).
Posizionate nella placca, coperte e fate lievitare fino al raddoppio...
prima di infornarle le ho pennellate con latte e cosparse di zucchero semolato

Cottura a 180° metà altezza, statico per 20 minuti circa...





e con queste belle Treccine per la Colazione vi auguro Buon Fine Settimana!!


martedì 2 febbraio 2010

E chi l'ha detto che i Panini devono essere tutti uguali...Pane da hamburgher e le sue forme strane


Io sono una che si annoia a fare sempre le stesse cose...se faccio una torta la devo fare sempre in stampi diversi...se faccio impasti dolci una volta faccio una treccia, poi una focaccia, poi la torta di rose, se faccio il pane lo stesso, devo fare sempre delle forme diverse..
lo stesso è stato per questo pane...le prime volte lo facevo sempre normale, a panino visto anche il nome poi usandolo anche a tavola ho cominciato a sbizarrirmi nelle forme anche invogliata da post scovati in vari blog..ad esempio qui (che meraviglia!) o qui..dove ho imparato anche a fare la treccia a 6..
La ricetta non ricordo da dove arriva, ce l'ho da qualche anno stampata in un foglio normalissimo senza nome..ora ho l'abitudine di scrivere da dove arrivano...
è il tipico pane da hamburger che però io trovo delizioso anche a tavola o a merenda spalmato di Nutella o Marmellata...oltre ovviamente a farci l'hamburger!!eheheh!!
è un impasto diretto quindi senza lievitino facile e veloce con 2 lievitazioni 1 per l'impasto ed una per i panini..

Premessa riguardo alla farina: io uso una farina 0 che prendo al Mulino e che ha una forza W 320 però si può usare metà 00 e metà Manitoba del supermercato.

PANE DA HAMBURGER

Ingredienti :

600 gr di farina
180 gr di latte
130-140 gr di acqua
1 uovo
30 gr di burro
12 gr di sale
15 gr di lievito di birra (25 se avete fretta)
25 gr di zucchero
semi di sesamo
1 cucchiaino di malto d'orzo

con la MdP mettere tutti gli ingredienti nel cestello partendo da quelli liquidi e per ultimo sale e lievito, impostare il programma impasto se alla fine non è ben incordato ripetere il programma poi lasciare lievitare fino al raddoppio in luogo caldo(circa 1 ora e mezza dipende sempre dal calore dell'ambiente).

con l'impastatore mettere nella ciotola la farina i l lievito sciolto nel latte tiepido con il malto..
l'acqua ed avviare con il gancio a bassa velocità...poi unire l'uovo un pò sbattuto, lo zucchero, il sale ed infine il burro morbido..lavorare finche sarà ben incordato aumentando la velocità a 2..
ci vorranno circa 20-30 minuti....coprire con un foglio di nylon o pellicola e mettere a lievitare in posto caldo...


una volta che l'impasto è raddoppiato passarlo nella spianatoia e fare le pieghe del secondo tipo come spiega sempre Adriano..coprire a campane e lasciare puntare per 15 minuti..
dividere in pezzi da 80 gr e formare i panini con forme a piacere come ho fatto io o nella forma classica...posizionarli nelle placche del forno, coprire e lasciare lievitarefino al raddoppio...
Pennellare con del latte e cuocere a 200° a metà altezza per 14 minuti in forno statico..

Ricordo che se si usa il ventilato è meglio tenere la temperatura più bassa di 20° circa..


Risultano dei panini soffici soffici come piacciono qui a casa mia...
Facendoli più piccoli possono andare benissimo anche come tartine da Buffet..


questi li dedico alla mia amica Marianna che da mesi aspetta questa ricetta..spero almeno che la soddisfi!!!


---------------------------------------------------------
Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di MorenaR. autrice del blog Menta e Cioccolato e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche.
NON autorizzo la pubblicazione dei testi, delle ricette e delle foto in alcun spazio della rete che siano forum o altro senza preventiva richiesta.

Copyright© all rights reserved.
------------------------------------------------------------ 

AddThis